Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.
Si è svolto il 18 giugno scorso un incontro tra il Direttore Generale della ASL Roma C e il Presidente dell’VIII Municipio. In questa occasione è stato ribadito l’impegno dell’Azienda Sanitaria a mantenere presso l’Ospedale CTO Andrea Alesini un presidio per l’urgenza ortopedica sull’intero arco delle 24 ore. E’ in particolare di questo impegno che il Presidente Catarci e il Delegato del Sindaco per la ASL RMC Antonio Bertolini prendono atto in un comunicato stampa congiunto.
Questo impegno, ribadito formalmente nel corso dell’incontro che si è svolto in un clima molto cordiale, non è motivo di alcun contrasto nella Direzione Aziendale e verrà assicurato con l’obiettivo di rendere compatibile la continuità della urgenza ortopedica con un rilancio della attività chirurgica del CTO, in una situazione nella quale alcuni eccellenti professionisti non riescono a dedicarsi alla sala operatoria perché costretti a troppo frequenti turni di guardia per l’urgenza.
La discussione in corso non riguarda dunque il “se” assicurare l’urgenza ortopedica e l’attività chirurgica, ma piuttosto il “come” riuscirci, garantendo la qualità delle prestazioni e dell’assistenza.
Per questo la Direzione Aziendale ha elaborato per il CTO, con il suo Piano Strategico e rifiutando esplicitamente ogni ipotesi di dismissione o di declassamento, una prospettiva di sviluppo del tutto coerente con la programmazione regionale. I primi passi di questo progetto sono stati avviati a partire dal risanamento strutturale e altri seguiranno, anche in virtù del ritrovato equilibrio economico dell’Azienda che ha chiuso in pareggio il bilancio del 2014.
Roma, 19 giugno 2015