Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.

L’Azienda assumerà nei prossimi giorni la prima delle delibere con le quali intende riconfigurare l’organizzazione dei servizi secondo il nuovo Atto Aziendale.

Questa delibera riguarda in particolare l’assetto dei Distretti che sono stati considerati prioritari perché vanno incontro, com’è facile notare anche ad una lettura superficiale dell’Atto, ad alcuni radicali cambiamenti che vorrebbero orientarne in modo esplicito l’attività intorno ai problemi di salute delle persone.

Di fronte a cambiamenti così rilevanti è parso urgente affrontare in modo analitico l’impianto dei distretti per restituire certezza agli operatori che non sono le linee di attività ad essere soppresse, ma sono le modalità attraverso le quali queste linee di attività si ricompongono intorno alle persone ad essere modificate.

Prima che il documento venga precisato nella sua formulazione definitiva e pubblicato sul sito aziendale mi è sembrato perciò importante presentarne sommariamente i contenuti e la logica provando a partire dal punto dei vista dei professionisti.

Vorrei insomma cercare di rispondere ad almeno alcune degli interrogativi che immagino ciascuno si possa fare dando per scontato che altre domande potrebbero essere formulate e che non in tutte le risposte io riesca ad essere chiaro, esauriente e convincente come vorrei. (Carlo Saitto)


(continua in allegato)