Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici o assimilati solo per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi.
Sabato, 25 03 2017

Comitato Etico Lazio 2

Via Primo Carnera, 1
00142 Roma
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Coordinate Bancarie NUOVE
Partita IVA e Codice Fiscale: 13665151000 
Codice Ente 9007070
IBAN : IT31Z0200805054000104110334 
Banca UNICREDIT - Agenzia 36027
BIC SWIFT: UNCRITM1C12


Principi Generali

Il Comitato e' un organismo indipendente che ha la responsabilita' di garantire la tutela dei diritti individuali, della salute, della sicurezza e del benessere dei soggetti in sperimentazione e di fornire pubblica garanzia di tale tutela.

Il Comitato si ispira al principio del rispetto della vita umana cosi' come indicato nella Costituzione Italiana, nella Carta dei Diritti dell'Uomo, nelle raccomandazioni degli Organismi Internazionali, nella Deontologia Medica Nazionale ed Internazionale ed in particolare nella revisione corrente della Dichiarazione di Helsinki.

Il Comitato fa, altresi', riferimento alla normativa vigente in materia sanitaria, alle norme di "Good Clinical Practice: Consolidate Guideline" dell'Unione Europea, adottate dall'Agenzia Europea per la valutazione dei medicinali (EMEA), e ove applicabile, alle raccomandazioni del Comitato Nazionale di Bioetica.

Oltre alla funzione di valutare sotto il profilo scientifico, etico, metodologico e di congruita' economica le sperimentazioni cliniche proposte da promotori ("profit" o "no profit", interni o esterni alla ASL Roma C), con parere vincolante ai fini della effettiva possibilita' di condurre i relativi studi clinici, il Comitato esprime parere non vincolante, su richiesta della Direzione Aziendale o dei sanitari della ASL, relativamente a progetti di sperimentazioni gestionali e organizzative ovvero rilascia pareri non vincolanti in merito ad eventuali problematiche di natura etica emergenti, su richiesta di disamina avanzata dalla Direzione Aziendale. Puo', inoltre, proporre iniziative di formazione di operatori sanitari relativamente a temi e in materia di bioetica.